Mappa

Il parco montano del Monte San Giorgio domina dall'alto il paese di Piossasco. Il Monte San Giorgio, elevandosi con i suoi 837 metri sulla piana sottostante, rappresenta la propaggine più avanzata della catena alpina occidentale verso la pianura torinese. L'area ha un importante valore storico-culturale poiché porta i segni delle remote civiltà che l'abitarono. Nei pressi della vetta sono infatti state scoperte alcune decine di coppelle incise nei massi e sulla cima si erge una cappelletta dell'XI secolo, oltre ai resti di un'antica cisterna per la raccolta dell'acqua piovana e di un monastero. La flora presenta specie interessanti per la loro rarità e distribuzione tra cui numerose felci, il leccio e la bellissima Paeonia officinalis. La fauna è ricca soprattutto di uccelli: specie tipiche delle foreste montane e sub-alpine quali la cincia dal ciuffo, il crociere e il gallo forcello si uniscono a specie tipicamente mediterranee quali l'occhiocotto e la bigia grossa. Non mancano infine rapaci quali il biancone e il falco pellegrino.

Ideale per le vostre escursioni in Mountain Bike, offre diversi km di piste sterrate. Salite alla cima del monte San Giorgio, lungo una bella strada sterrata costruita nel dopoguerra dagli Alpini, che sale attraverso un bosco di conifere e querce. Il fondo è piuttosto buono ma pietroso, soprattutto nella parte alta, per cui occhio in discesa! L'aspetto a volte brullo del monte è dovuto ad un grande incendio avvenuto nel 1999. Il percorso si trova in un parco naturale, e l'accesso alle auto è bloccato da una sbarra. Tuttavia non è impossibile incontrare mezzi a motore, anche perché in cima al monte si trova un punto di decollo per volo libero. Una volta arrivati in cima, non dimenticate di fare il giro della chiesetta, perché la vista che vi si apre da quel pratino è meravigliosa.

Come si arriva?

Partendo da Villa Mirano, non potete sbagliarvi!! Il Monte San Giorgio domina letteralmente il paese di Piossasco. Dirigetevi verso la città alta, da lì partono numerosi sentieri segnalati che portano alla cima del monte. Venendo invece dalla Valle di Susa con la strada provinciale dei Laghi di Avigliana (SP 589), fino a Sangano, proseguendo poi in direzione Bruino; dal Cuneese e dalle altri parti del Piemonte con l'autostrada A55 Torino - Pinerolo: uscita a Volvera e proseguire in direzione Piossasco.